"Il gusto per il disegno mi è venuto molto presto, all'età di 6 anni. Fin da piccolo ho sempre avuto una naturale capacità di disegnare ciò che vedevo rispettando le giuste proporzioni. Nella prima parte della mia vita ho usato il disegno come valvola di sfogo per evadere in un mondo immaginario, senza capire bene perché lo facessi. A volte ho disegnato anche per ottenere il riconoscimento o l'amore dei miei cari.

Oggi, quando disegno, è come se partecipassi alla scena in introspezione. In quel momento, ogni dettaglio diventa parte di me. Tutto prende forma sul mio disegno e contemporaneamente dentro di me. Divento i personaggi, il paesaggio, le forme, le espressioni facciali, perché devo mettermi al posto degli elementi per sapere come rappresentarli.

Tutti i dettagli diventano più importanti. Il disegno è un incredibile zoom su ciò che ci circonda e che a volte crediamo banale perché pensiamo di averlo visto tante volte. Dovremmo sempre guardare, studiare il nostro ambiente come un disegno. Ho osservato più profondamente ogni personaggio, atmosfera, oggetto, punto di vista... Infine, ho osservato le cose come se fosse la prima volta, con più domande, in modo più multidimensionale.
Il disegno è l'accesso a una nuova visione che ci permette di concentrarci più profondamente e quindi di scoprire altre sfaccettature del mondo che ci circonda. Possiamo sempre permetterci di guardare la vita in modo diverso.

Quando disegnavo, mi ponevo tante domande. Mi piacerebbe essere in questo paesaggio? L'atmosfera è bella, i personaggi sono felici? L'edificio è strutturato? Se fossi lì, mi sentirei bene? Il mio disegno è accurato? Quale messaggio vorrei trasmettere?... Attraverso la creazione di questo libro da colorare, ho davvero viaggiato in diverse sfere della mia coscienza.

Vi invito a intraprendere questo viaggio attraverso la colorazione, utilizzando i colori che vi fanno sentire bene e mettendo in discussione i vostri sentimenti. Quando ho realizzato questo libretto, ho immaginato colori creativi con molteplici sfumature, colori con disegni, altri realizzati con pennarelli, vernice, matite colorate, pastelli... Ho immaginato artisti in erba che aggiungono disegni ai loro colori. Ho anche pensato che alcuni di loro avrebbero potuto avere l'idea di raccontare o scrivere una storia sulla colorazione.

Oggi ho la fortuna di essere una donna felice, realizzata nel mio matrimonio e madre di tre bellissimi bambini ai quali voglio trasmettere il mio gusto per il disegno...".

La creatività è come l'universo, è infinita.

Vorrei ringraziare Régine Thomas, che mi ha accompagnato con la sua conoscenza del simbolismo dei disegni e con tanta gentilezza in questo bellissimo progetto.

Jennifer