• Linguaggio simbolico

IL CODICE SORGENTE : IL CODICE CHE È ALLA FONTE DELLA COSCIENZA

UN SIMBOLO rappresenta un’informazione chiave e multidimensionale che ci permette di comprendere l’intelligenza emozionale (EQ). I simboli sono alla base del linguaggio della nostra coscienza e del nostro modo di percepire le diverse realtà che ci circondano. In modo concreto, ci permettono di fare delle associazioni con i nostri vissuti e le nostre memorie consce ed inconsce.

Il modo migliore per comprendere cosa sia il linguaggio simbolico, è di fare una correlazione con l’informatica. Il codice “html”, un’immagine che si vede su internet, oppure una funzione creata per il nostro computer, sono tutti costituiti da segni e simboli, lettere, numeri, e così via. Questo va di pari passo con la nostra memoria, le nostre percezioni, le nostre associazioni a tutto ciò che comprendiamo e facciamo. Quando una persona è molto ribelle, o semplicemente in collera, si mette a dire o a fare delle cose strane, può dire parole che feriscono e che sono più o meno coerenti, come un robot che ha un bug, cioè un difetto di programmazione. Studiando le parole scelte, le associazioni gestuali, etc., possiamo risalire alla sorgente del codice che ha generato la disfunzione nella persona. E, per fare questo, dobbiamo naturalmente comprendere il codice di programmazione della nostra coscienza, basato, in modo consapevole o inconsapevole, sul linguaggio simbolico.

Studiare il linguaggio simbolico della coscienza, ci mette in collegamento alla nostra origine, alle memorie più profonde della nostra identità, e ci fa entrare nella scienza più avanzata che ci sia, in una nuova era di evoluzione della coscienza umana. Progressivamente, il linguaggio simbolico diventerà una conoscenza scientifica molto importante che servirà anche da base fondamentale alla futura intelligenza artificiale.

IL CENTRO D’INSEGNAMENTO & DI RICERCA UCM

Il Centro d’Insegnamento & di Ricerca Universe/City Mikaël (UCM) è uno dei centri più importanti nel mondo per la ricerca sul linguaggio simbolico; l’insieme dei nostri lavori, libri, seminari e formazioni (che offriamo in molti paesi) è sempre collegato allo studio di questo linguaggio universale.

Se osserviamo i primi passi d’apprendimento di un bambino, questi si fanno in modo naturale seguendo il linguaggio simbolico, e questo ancora prima che il bambino capisca di che cosa si tratti. Egli associa le sue emozioni a ciò che vede e percepisce, e così codifica il suo ambiente per ricordarsene, per amarlo o averne paura, per conoscersi e per capire cosa succede nel suo spazio fisico et metafisico, per fare delle eventuali scelte, cioè delle esperienze evolutive. Più s’invecchia, più questo codice, da un lato, si complica a causa delle troppe memorie negative, dall’altro, può diventare una forza razionale e multidimensionale tra le più efficaci.

Servendosi della materia e degli elementi che la costituiscono, della multidimensionalità dei comportamenti e degli avvenimenti, il linguaggio simbolico agisce sia nel mondo concreto, che nelle dimensioni dei sogni e dei segni. Assolutamente tutto ciò che esiste, è formattato in modo simbolico, come tutta la programmazione informatica, che possiede alla base un codice di programmazione. Questo linguaggio – che è il Codice Sorgente che tutti abbiamo dentro a noi e che è ugualmente presente in tutti gli altri elementi della Creazione – è direttamente collegato alla struttura archetipale del nostro funzionamento cerebrale e sensitivo. Costituisce l’essenza di una persona, definisce il concetto di utilità di ciascun oggetto e la natura di un’idea, di un pensiero, di una parola, di un suono, di un modo di pensare o di agire.

IL CODICE + & -

È affascinante osservare come i simboli s’interconnettano tra loro e formino reti e sistemi di interazione, seguendo lo stesso principio dei neuroni nel nostro cervello. I simboli sono delle rappresentazioni di valori e principi matematici che possono essere descritti sia come immagini che come metafore. Per esempio, se siete in conflitto con una persona, si registrerà nella vostra memoria l’informazione di una delusione, o di una paura, comunque un malessere collegato a quest’essere. Ogni volta che lo incontrerete, se non avete risolto la situazione, questa vi spingerà a parlargli in un certo modo. E, se il problema cresce d’intensità, si potrebbero depositare ancora più memorie, formando tra loro una fitta rete. Si potrà allora generare una collera verso di lui, o anche alcune paure, che potranno modificare le vostre parole e le vostre azioni; non solo verso di lui, ma anche nei confronti di tutte le persone che gli assomigliano, oppure verso tutte le situazioni simili, che, consapevolmente o inconsapevolmente, vi ricorderanno questa persona. L’inconscio, o la nostra anima, è come un disco rigido, che registra tutto ciò che viviamo, influenzando così la nostra personalità.

Più si studia il linguaggio simbolico, più si comprende che i sogni e segni che riceviamo, non sono unicamente delle informazioni astratte o senza fondamento, ma sono concepite secondo un codice universale, assolutamente logico, che si trova in ciascuno di noi e che possiamo decodificare e addirittura riprogrammare con un lavoro consapevole. Grazie ai sogni e ai segni, che sono essi stessi degli insiemi di simboli con significati ben precisi, possiamo visitare le diverse zone del nostro inconscio, per comprendere in profondità che tutto ciò che esiste all’esterno di noi, vive ugualmente all’interno di noi, manifestandosi come stati d’animo e stati di coscienza.

IL LINGUAGGIO DEI SOGNI È MATEMATICO

Il linguaggio simbolico dei sogni e dei segni è matematico: si compone di equazioni di coscienza che ci mostrano chi siamo veramente, nel più profondo del nostro essere, e quello che dobbiamo sperimentare e vivere per evolvere. Questo linguaggio, ci fa scoprire che i simboli che costituiscono i nostri sogni e segni, definiscono dinamiche strutturali che sono fondamentalmente logiche, come nella programmazione informatica. Infatti, rappresentano aspetti, parti, energie, forze, atmosfere, programmazioni e schemi di funzionamento del nostro essere, e ci aiutano a comprendere le situazioni, gli incontri e gli avvenimenti che compongono il nostro piano di vita. I simboli sono alla base dei parametri e delle equazioni universali, di cui si serve la stessa Coscienza Universale per elaborare e attivare i nostri programmi di apprendimento. La conoscenza del linguaggio simbolico ci permette di riconoscere il Codice Sorgente iscritto nel nostro essere e in tutto ciò che esiste, aprendoci così la porta verso la comprensione delle manifestazioni multiple della Vita, sia del mondo esteriore, che all’interno di noi.

Si rimanda il lettore all’opera: Dictionnaire, Le Code Source, Rêves-Signes-Symboles par Kaya, ISBN : 978-2-923654-02-7  (non ancora pubblicato in italiano).