Lingua
Ciao! 👋

La vostra lingua attuale :

Altre lingue disponibili:

Spiritualità indiana, antica saggezza codificata in simboli

Riscoprire un'antica conoscenza, nascosta nei simboli di una tradizione millenaria... Questo articolo è un viaggio nel cuore della spiritualità indiana e vi condurrà a riscoprire questa antica saggezza, al di là di quanto possiate immaginare... Benvenuti nella grande storia dell'evoluzione dell'umanità e della spiritualità, la sua natura profonda.
Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Reddit
Email

Codificare la saggezza in simboli

L'era moderna in cui viviamo ci permette di condividere la conoscenza in modo profondo. Abbiamo computer, internet, social network, televisioni, ecc. che sono tutti mezzi per diffondere i nostri pensieri e le nostre idee al pubblico. Ma vi siete mai chiesti come funzionava quando queste tecnologie non erano presenti?

La storia dell'umanità è anche piena di fasi in tutto il mondo in cui sono state distrutte biblioteche piene di libri, ricerche e opere avanzate! Come è stato possibile salvare questa saggezza per le generazioni future? Naturalmente, a volte la conoscenza è rimasta intatta a un certo livello attraverso il folklore, le canzoni popolari, eccetera, in India come nel resto del mondo. Ma la cosa affascinante in India è che questo ha portato alla codifica della saggezza in simboli, storie simboliche!

L'inizio...

Oggi, quando si pensa alla spiritualità indiana, spesso la si confonde con la religione, si pensa a vari simboli come Shiva, Ganesh e vari dei, dee, ecc... considerandola come essendo la religione indù.

Ma in realtà pochi si rendono conto che questa non è la vera fonte della saggezza spirituale indiana. Forse sarà una sorpresa per molti di noi, ma l'antica saggezza spirituale indiana deriva dai testi chiamati Veda, che letteralmente significa "Conoscenza" o "Conoscenza dei segreti dell'universo".

Si dice che questi libri siano stati ascoltati/ricevuti (cioè Shrutis in sanscrito) durante le loro meditazioni dai Rishi, e sono scritti sui cinque elementi che compongono l'universo e la vita sulla terra. In effetti, l'intero concetto di Sanatam Dharma si basa sul lavoro su se stessi mentre si vive nel mondo materiale, sulla comprensione di questi elementi e di come l'intera creazione sia composta da essi.

Ecco perché gli indiani adorano gli alberi, i fiumi, le montagne, il sole, la luna, ecc. Il concetto di templi/statue è nato molto più tardi, forse solo duemila anni fa, per riunire le persone.

Gli scritti dettagliati spiegano il meccanismo di questi elementi per creare e animare la vita, ma la maggior parte delle persone ha dimenticato questa fonte e, col tempo, ha iniziato a credere di più in altre forme di dei e dee, menzionate in altri libri chiamati "Purana", "Upanishad", ecc. per condividere gli insegnamenti sulla vita con le persone a volte più ordinarie e meno spirituali, che non conoscevano il sanscrito e non avevano accesso a profondi studi interiori.

Era un'epoca in cui la tecnologia non esisteva, in cui le persone vivevano in piccoli gruppi nei villaggi senza accesso al mondo esterno e il lavoro era diviso tra le persone per un funzionamento sociale armonioso. Questi simboli venivano pronunciati per condividere la conoscenza con le persone meno spirituali, raccontando storie attraverso forme di danza. Tutto questo è stato fatto per introdurre il Dharma tra le persone, cioè per dare loro un senso di responsabilità attraverso i loro vari ruoli, pur rimanendo distaccati in modo da ricordare sempre l'esistenza di un potere superiore, che molti chiamano "Dio".

Brahma, Vishnu, Mahesh - La Trinità

Spesso, quando si pensa alla spiritualità indiana, vengono in mente questi tre nomi. Esistevano davvero nella realtà fisica?

Forse o forse no, perché non ha importanza quando si vuole imparare da tutto con ricettività. Brahma simboleggia la creazione, Vishnu la perseveranza e Mahesh (cioè Shiva) la trasformazione, che pone fine a un vecchio ciclo e ne inizia uno nuovo. Gli antichi introdussero questi simboli per rappresentare i cicli naturali della creazione e la loro estensione era indicata da questi simboli. L'aspetto interessante è che la maggior parte delle persone non sempre conosce la storia completa che viene condivisa a riguardo.

Nelle scritture si dice che all'inizio c'era "Shakti", cioè la femminilità, la ricettività, la forza vitale. Poi diede alla luce Vishnu, il preservatore (contrariamente a quanto molti pensano, Brahma non venne prima). Brahma uscì dall'ombelico di Vishnu su un loto, come mostrano le storie e le statue nei templi di oggi. Poi Vishnu e Brahma ebbero conflitti di ego, volendo dimostrare di essere più importanti l'uno dell'altro. Per risolvere questo problema, è stata rivelata l'energia di Shiva. Entrambi si resero conto che si trattava di un fascio infinito di energia, che era infinito! Per questo Shiva è conosciuto anche come Mahesh, il Dio Supremo.

Senza un linguaggio simbolico, tutto sembra strano...

Se leggiamo tutto questo come una storia, allora potrebbe sembrare irrealistico e potremmo chiederci perché l'abbiano codificato in una storia, invece di rivelare chiaramente tutta la verità... Perché gli antichi hanno dovuto simboleggiare questi profondi segreti sull'Universo?

Ebbene, è stato fatto per proteggerli, perché sapevano che ognuno li avrebbe decodificati secondo la disponibilità della propria anima, per ricevere solo ciò che si è pronti a ricevere. È stato fatto anche per aiutare le persone a ricordare, perché la mente umana ricorda di più ciò che viene descritto sotto forma di storia, poiché siamo esseri molto emotivi e simbolici.

La mente tende a dimenticare facilmente ciò che sembra solo intellettuale. Tuttavia, con il tempo, la gente ha dimenticato la profonda saggezza codificata dietro di essa, e ciò che è rimasto sono i rituali che erano per lo più basati sulla paura o guidati dai sacerdoti per il potere di alcuni, mentre c'erano anche sacerdoti molto bravi... Come in tutte le altre tradizioni.

Ma cosa stavano cercando di dire gli antichi con questa storia? Dobbiamo decodificarlo simbolicamente per connetterci alla sua saggezza più profonda.

Aprire il velo con il linguaggio simbolico

Attraverso la saggezza simbolica, diventa possibile rivisitare l'antica e profonda conoscenza vedica, connettersi alla nostra saggezza ancestrale che non invecchia mai, che rimane sempre vera nei Veda quando viene decodificata simbolicamente.

La conoscenza dei Veda non era facilmente comprensibile per l'uomo comune, non era solo spirituale ma anche molto scientifica. In effetti, oggi possiamo vedere come la scienza stia scoprendo di nuovo ciò che è menzionato nei Veda. Pertanto, la rappresentazione dei concetti è stata fatta in modo simbolico, sotto forma di storie, per renderla più accessibile a tutti. Gli insegnamenti sono stati semplificati per adattarsi alla vita quotidiana.

I simboli hanno continuato a essere trasferiti attraverso questi racconti e rituali di generazione in generazione, ma con il passare del tempo l'essenza simbolica è andata persa e il linguaggio simbolico è stato dimenticato dall'umanità fino ad oggi. Oggi la situazione sta cambiando grazie al Centro di Insegnamento e Ricerca dell'UCM, che sta riportando in auge questo linguaggio sorgente attraverso il quale l'intelligenza dell'Universo comunica con tutti noi tramite Sogni, Segni e Simboli.

Tornando alla storia della Trinità, possiamo capire cosa cercavano di dire i Rishi (gli antichi scienziati e studiosi) quando apriamo il velo dietro i simboli.

Tutto inizia con "Shakti", cioè l'amore, la ricettività, il principio femminile che esiste in ognuno di noi. Tutto ciò che si manifesta indica "Prakriti", cioè la natura di questo principio nella creazione.

Tutte le dee delle storie indicano ciò che funziona bene o crea una distorsione quando questo principio anima il nostro mondo emotivo. Vishnu è simbolicamente responsabile di stabilire tutte le leggi e i principi divini prima della creazione di qualsiasi cosa, per fissare aspettative e obiettivi, proprio come facciamo noi quando vogliamo creare una famiglia o un'organizzazione.

In realtà, tutto inizia nel mondo dei concetti, dei pensieri, come idea prima di prendere forma fisica. Brahma entra allora in scena attraverso il suo ombelico su un loto, cioè il chakra del potere, il fuoco, che porta alla motivazione, alla volontà di creare.

Il simbolo del fiore di loto è presente in molte tradizioni e rappresenta i sentimenti di un iniziato che si concentra sulla realizzazione del Sé attraverso un profondo lavoro interiore. Un fiore di loto sboccia in uno stagno fangoso, a simboleggiare come la vera realizzazione del Sé avvenga quando si purificano le memorie della materia, l'uso/abuso del potere in essa, le memorie in cui il potere delle emozioni è stato distorto nel mondo della materia, creando un fuoco eccessivo. E quando le persone entrano nella coscienza dell'ego, iniziano i conflitti per la supremazia. "Chi è più potente: il creatore o il conservatore?", tutto questo è il gioco dell'ego.

Spesso, come esseri umani, diventiamo anche possessivi delle cose materiali, dimenticando la vera intenzione che sta alla base di esse, cioè quella di sviluppare le qualità imparando e sperimentando nella materia. Come esseri umani, a volte sfidiamo le leggi e i principi divini nel corso della nostra vita, nell'ignoranza, alimentando l'ego e finendo per rimanere intrappolati nel conflitto tra bene e male, a causa della mancanza di conoscenza. Per liberarci da questo, Shiva si rivela. Shiva significa passare dall'ignoranza alla conoscenza, dall'essere morti all'essere veramente "vivi" in termini di stato di coscienza e di esistenza. Shiva rivela che siamo in un ciclo infinito di apprendimento che porterà a molte creazioni e al mantenimento dell'apprendimento, poi alla fine di quel ciclo per iniziare il successivo, per la continuità dell'evoluzione. Shiva simboleggia quindi lo stato di "coscienza". Ciò che inizia deve finire un giorno, una volta raggiunto il suo scopo, per dare vita a un nuovo ciclo o fase di apprendimento. Così, Shiva porta qui il simbolismo del distacco, il suo altro nome sanscrito - Vairagi Yogi.

C'è molto da dire su questa storia quando cominciamo a decodificarla simbolicamente. In effetti, ci rendiamo conto che non è possibile comprendere la saggezza spirituale indiana senza il linguaggio simbolico! Che gioia condividere con voi l'antica saggezza spirituale indiana, alla luce della decodifica dei simboli profondi che sono anche alla base di tutto ciò che viviamo ogni giorno... Tutto ciò che la Vita ci porta sul cammino può essere compreso, decodificato e analizzato con la comprensione del linguaggio simbolico. Con questa Conoscenza che potete apprendere attraverso il Centro di Insegnamento e Ricerca di UCM, potete riscoprire ciò che è andato perduto... Ritrovare l'antica saggezza, nella vostra vita moderna. Qui sta la grande storia dell'evoluzione...