Lingua
Ciao! 👋

La vostra lingua attuale :

Altre lingue disponibili:

Blog

Segni

blog-featured-5-segni-che-mostrano-che-sei-spirituale
Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Reddit
Email
Ti sei sempre sentito/a diversi dagli altri. Ti pongono domande a cui la maggior parte delle persone non ha risposta. Guardi i tuoi familiari e ti rendi conto di cose di cui loro non si rendono conto. Pensi di avere un problema? Non preoccuparti, è normale. Stai sperimentando un'apertura della coscienza. Stai diventando spirituale...

1 - Ti senti come se stessi recitando dei ruoli tutto il tempo

Quando eri più giovane, amavi le riunioni di famiglia, giocare con i cugini, vedere gli zii o gli amici di famiglia. Ma ultimamente la situazione è diversa. Ti rendi conto che tuo zio racconta sempre le stesse storie sul suo lavoro e ti costringi ad ascoltare. Quando ti saluta, tua zia ti bacia sempre con il rossetto che ti cola sulla guancia, ti abbraccia e quasi ti fa la lotta. E la cosa peggiore è che lei non se ne rende conto... 🙂 Tuo cugino fa battute sconce durante il pasto e fa ridere tutti, ma tu senti che sua moglie ne ha abbastanza e si costringe a sorridere da troppo tempo.

E tu, in mezzo a tutto questo, rimani quello che rimane gentile con tutti. Vorresti dire certe cose, ma cerchi di non far sentire le persone a disagio intorno a te perché sai che questo potrebbe rompere l'atmosfera. Quindi stai zitto, sorridi e continui a recitare il tuo ruolo, come tutti gli altri intorno a te...

È molto comune, quando si diventa spirituali, avere l'impressione di interpretare dei ruoli con le persone che ci circondano. Questo all'inizio è normale, perché per conoscere a fondo sé stessi bisogna sperimentare, "testare" tutti i ruoli che esistono per capirli meglio. Bisogna essere stati troppo gentili per capire la vera gentilezza... Bisogna essere stati schiacciati per sapere dove sono i propri limiti e farli rispettare... Così come bisogna essere stati troppo imponenti con gli altri per sapere fino a che punto ci si può spingere.

"All'inizio va bene interpretare dei ruoli... Sperimentiamo la nostra personalità... Finché non troviamo l'essenza di ciò che siamo...".

Un giorno arriviamo a comprendere questi diversi ruoli che abbiamo svolto o che abbiamo visto intorno a noi e capiamo che certe energie non creano un'energia armoniosa e che altre possono creare una bella atmosfera. Analizziamo il + e il - di ciascuno e sappiamo quali ruoli sono positivi e quali negativi... E possiamo quindi integrare il lato positivo di ciò che abbiamo vissuto...

È proprio conoscendo meglio noi stessi attraverso i nostri sogni che possiamo conoscere veramente le sfaccettature della nostra personalità. Possiamo vedere nei nostri sogni il nostro bisogno di attenzione, il nostro desiderio di compiacere, le nostre memorie di bassa autostima, ecc. Ma anche la nostra energia di accoglienza, la nostra generosità, la nostra motivazione, e tutte le nostre belle qualità... Studiandole, comprendendole, possiamo anche riconoscerle meglio quando si manifestano nella nostra vita quotidiana, sia in noi stessi che nelle persone che ci circondano.

Con l'apertura della coscienza che sperimentiamo quando siamo spirituali, possiamo sentirci molto destabilizzati, perché scopriamo molte parti diverse di noi stessi e la nostra personalità può sentirsi frammentata, senza sapere più chi siamo. Ma praticando la meditazione o il Mantra, possiamo trovare un'unità nella nostra personalità, conoscere la nostra essenza principale e svilupparla in modo costruttivo per noi stessi e per le persone che ci circondano. Non abbiamo più bisogno di interpretare un ruolo, perché la nostra personalità è meglio unificata, focalizzata.

Così possiamo reagire più facilmente alle diverse energie che incontriamo nella nostra vita quotidiana... Siamo in grado di parlare con qualcuno che ci ha mancato di rispetto, in modo diplomatico, senza proiettare il nostro disappunto sull'altra persona. Siamo anche in grado di lasciar correre, di non essere estremi nella nostra reazione... Abbiamo compassione per l'altra persona in quel momento, piuttosto che rispondere con odio, perché torniamo a noi stessi... Capiamo che l'altro ci mostra sempre una sfaccettatura di noi stessi attraverso la Legge della Risonanza...

"Con la Legge della Risonanza, comprendiamo che l'altro è sempre una parte di noi stessi".

Perché sì, tuo zio, tua zia e tuo cugino sono sempre parti di te da trasformare... E se ti senti disturbato/a dal loro atteggiamento, è perché c'è qualcosa da capire, una percentuale in te che risuona con loro... E se ci lavori, che la trasformi in te stesso, un giorno non sarai più disturbato, e riuscirai a reagire nel modo giusto.

Quando siamo spirituali come te, lavorare su noi stessi è nostra responsabilità , non proiettare il nostro disturbo sull'altro. E se riusciamo a farlo un giorno alla volta, una memoria alla volta, allora un giorno ci sentiamo unificati, sicuri di noi stessi, e non abbiamo più bisogno di recitare ruoli... Perché sappiamo chi siamo, sappiamo chi è l'altro, e sappiamo esattamente qual è l'energia giusta da adottare con la persona...

2 - Sei alla ricerca di un significato nella tua vita

Quando vedi le persone intorno a te, alcune hanno un buon lavoro, un buon stipendio, ma senti che manca qualcosa nella loro vita... Senti che stanno vivendo in un'illusione... La materia è presente intorno a loro, hanno una famiglia, ma non sembrano essere profondamente felici. Non te ne sei reso conto prima, ma più osservi le persone che ti circondano, più capisci che la materia e il denaro sono strumenti che aiutano a creare stabilità, ma non sono la fonte della felicità...

Così ti fai delle domande e ti chiedi cosa ci fai qui? Perché viviamo, perché moriamo? Che senso ha avere un lavoro se non si è felici di farlo? E per motivarsi pensare più al suo stipendio che ad altro?

Queste domande sono molto importanti da porre e si trovano spesso nelle persone spirituali. Da un giorno all'altro, più si comprende a fondo la vita, più ci si rende conto delle illusioni in cui vive la maggior parte delle persone. Ma nello stesso tempo, c'è un aspetto essenziale per comprendere tutto questo, perché le illusioni hanno il loro posto... L'illusione è educativa.Se da un giorno all'altro dici ai tuoi genitori che il loro matrimonio è un'illusione perché non si amano davvero, o che hanno passato 40 anni della loro vita a fare un lavoro che non amano, probabilmente non reagiranno molto bene... 🙂

"Non dovremmo mai imporre i nostri valori agli altri, anche se sono positivi".

Ecco perché bisogna stare attenti, quando si è una persona spirituale, a non diventare estremisti sul significato della vita. Sì, hai scelto di vedere la vita in modo più profondo, e questo è fantastico. Ma il fatto che l'altro non mediti o sia troppo materialista non significa che sia una cattiva persona... Forse il tuo zio racconta barzellette sconce durante le riunioni di famiglia, ma almeno è una persona affidabile, ben organizzata nel suo lavoro, un buon padre di famiglia che ama i suoi figli... E questo è importante da ricordare.

Il senso della vita è qualcosa di così personale e profondo, e per questo non dovremmo mai imporre i nostri valori agli altri, anche se sono positivi. Perché anche il positivo, se imposto all'altro, può diventare negativo a causa dell'intenzione che ci metti dentro... Quindi, prima di parlare a tuo zio del senso della vita, gira la lingua 7 volte in bocca e sia attento/a a non fargli "girare il cervello" troppo in fretta... Perché ha bisogno dei suoi passi per evolvere e sviluppare qualità che altrimenti non riuscirebbe a sviluppare 🙂

3 - Non ci si sente bene e non si sa perché

Eppure hai tutto ciò di cui hai bisogno nella tua vita... Hai un posto in cui vivere, una famiglia, cibo in abbondanza e materia intorno a te; hai tutto ciò di cui hai bisogno per essere felice, ma non lo sei, e questo ti fa riflettere. Quindi si va da uno psicologo e lui dà una diagnosi: si soffre di depressione. Ha ragione e nel tuo interesse ti prescrive degli antidepressivi. Ti aiutano e migliorano per un po', ma quando smetti di prenderli è una caduta libera. È una montagna russa di emozioni quando tutto è tranquillo intorno a te, e ti mette sottosopra...

Ma non è colpa del tuo psicologo. Ti ha consigliato al meglio delle sue conoscenze e gli antidepressivi hanno il loro posto per le persone che sono pericolose per se stesse e per gli altri. Ma se vuoi davvero guarire in profondità, è il momento di andare a incontrare le tue memorie... Sono loro che creano queste discrepanze nella tua vita...

Quando si comprende la realtà delle memorie, ci si rende conto che la depressione è una fase a volte necessaria per alcune persone... Perché chi è depresso sta vivendo un'apertura della coscienza... Questo può attivare in lui una nuova forza, un seme di rinnovamento che non sarebbe stato possibile senza questo emergere delle memorie. Tutte queste fasi sono tipiche delle persone spirituali, e anche se non ti senti veramente depresso, capisci come ci si sente e anche te stai sperimentando alti e bassi senza sapere perché.

"Le memorie sono la causa di tutte le difficoltà che incontriamo... Come un computer saturo di programmi...".

In effetti, sono le nostre memorie che ci fanno stare male dentro... E a volte ci fanno anche agire in modo strano... Come rifiutare qualcuno che amiamo, avere paura dell'amore o sentirci attratti da qualcuno che ci fa del male o ci manca di rispetto...

Tutto questo lo puoi vedere nei tuoi sogni. Lavorando sui propri sogni, studiandoli e comprendendoli, è possibile integrare profondamente il motivo per cui non ci si sente bene. Con la pratica della meditazione, del Mantra, puoi ripulire le tue memorie e quindi trasformarti dall'interiore di te stesso..Poi finalmente capirai perché ti senti come ti senti... E potrai ricominciare a godere di ciò che la vita ti ha dato.

È così importante rimanere grati per ciò che abbiamo ricevuto nella vita, anche se non è perfetto. Dovremmo sempre dedicare un momento della nostra giornata a ringraziare la Vita, l'Universo o Dio, comunque lo si voglia chiamare, per tutto ciò che di positivo c'è nella nostra vita... Un giorno, se coltiviamo questo stato d'animo, riusciremo a provare gratitudine anche nei momenti più difficili e negativi... Perché capiamo che il negativo è lì per aiutarci a evolvere.

Se, nonostante i tuoi sforzi, sei ancora in difficoltà, non esita a prendere un appuntamento presso la clinica UCM. Sappiamo cosa significa non sentirsi bene. Ci siamo passati tutti... E se vuoi un consiglio di vita profondo su quello che stai vivendo, puoi essere certo/a che sarai compreso/a e accompagnato/a con gentilezza...

4 - Vorresti cambiare il mondo... ma non sai come farlo

Quando si guarda il telegiornale in televisione, ci si chiede perché non si parli di questioni più importanti. È sempre lo stesso ritornello, la stessa energia di paura e insicurezza. Siete stufi e vorreste che le persone si rendessero conto della bellezza della vita, uscissero dai loro problemi e smettessero di preoccuparsi del nulla. Si comincia persino a chiedersi se non ci sia una trama da qualche parte...

Così si cerca di cambiare il mondo che ci circonda. Hai dibattiti accesi con alcuni amici che la pensano diversamente. Ti chiamano idealista, ma tu resisti. Non ci si arrende. E a volte questo crea tensioni con le persone vicine. Ci si arrabbia con le persone che hanno una visione troppo banale della vita. Oppure non dici nulla e rimani in silenzio, ma vieni schiacciato dalle opinioni degli altri... Hmm...

Spesso una persona spirituale reagisce in questo modo: o è troppo reazionaria, o è troppo estremista, o non dice nulla ed è troppo gentile. O a volte passando dall'uno all'altro. E un giorno ci si rende conto che, per quanto si cerchi di proporre le migliori argomentazioni del mondo, se l'altra persona non vuole cambiare, non cambierà.

Ma nello stesso tempo, questa non è una scusa per evitare i conflitti e non esprimersi mai quando qualcuno chiede la tua opinione. Bisogna stare attenti quando si è spirituali a non scappare dai disturbi che si possono avere su certi argomenti o su certe persone... E a ritirarsi dalla società dicendo a sé stessi che comunque non si riuscirà mai a cambiarla...

"Il profondo desiderio di migliorare che esiste dentro di sé sarà ciò che un giorno potrà cambiare il mondo... Una persona alla volta".

In effetti, quando siamo spirituali, a volte non sapendo come cambiare il mondo, preferiamo ritirarci da esso... Ma questa non è una soluzione ideale. Se si vuole cambiare una società, bisogna anche capire le sue regole, il suo funzionamento, come cambiarla dall'interno rispettando il ritmo di ogni persona che ci vive. È la stessa cosa in una famiglia, se si vogliono risolvere i conflitti, andarsene non è una soluzione, dovremmo piuttosto discutere, trovare insieme le soluzioni per andare avanti, facendo in modo che ognuno di noi faccia uno sforzo.

Quindi, se vuoi cambiare il mondo... cambia prima te stessio.. E vedrai che i tuoi sforzi positivi un giorno ispireranno anche gli altri. Se superi problemi o difficoltà, un giorno potrai diventare un esempio per le persone che ti circondano. Ne parlerai con maggiore saggezza ed esperienza e, grazie alla tua esperienza, un giorno potrai aiutare gli altri, se lo vorresti.

Cambierai persino il tuo modo di lavorare, di parlare con la tua famiglia, con i tuoi colleghi... Questo creerà delle domande intorno a te, ti chiederanno come fai ad avere una tale energia... E potrai dire loro che stai lavorando su te stesso, in tutta umiltà e sincerità... e forse un giorno ti parleranno anche di uno dei loro sogni, perché sentiranno che potresti dare loro delle risposte... In questo momento capirai che per cambiare il mondo, tutti possono fare uno sforzo...

5 - Nel profondo sai che il caso non esiste.

Ogni volta che si guarda l'ora, si vede che c'è scritto 11.11 o 7.07. Capita spesso di pensare a qualcuno e di essere chiamati pochi istanti dopo. A volte ci si sente connessi con l'ambiente circostante e si "sentono" le cose prima che accadano. È un dato di fatto: stai sviluppando uno dei tuoi poteri spirituali.

Si tratta della cosiddetta chiarosenzienza, la capacità di sentire le cose intorno a noi con una sensibilità che va oltre i sensi. Questo è uno dei primi segni per comprendere che una persona è spirituale. La scienza dimostra sempre di più che ogni cosa nell'universo è connessa, legata in qualche modo, e che eventi che a prima vista sembrano distanti tra loro possono avere un significato comune, un legame metafisico...

L'universo può essere paragonato a un grande computer vivente, dove tutto è calcolato, organizzato con precisione affinché si verifichino determinati eventi. Quando lavoriamo su noi stessi, quando meditiamo, quando studiamo i nostri sogni, siamo in grado di "entrare" in questo quadro, in questo ritmo di Vita, che ci porta sempre esattamente ciò di cui abbiamo bisogno.

"L'universo è un computer vivente in cui tutto è organizzato.

Ma pensi in questo modo quando cammini sulla cacca del cane? Pensi così quando perdi l'autobus prima di una riunione importante? Pensi che non ci sia alcuna possibilità quando sei fuori senza ombrello e un acquazzone ti bagna dalla testa ai piedi?

Tutto nella vita ha uno scopo. A volte non ne capiamo il motivo, ma ogni situazione, ogni difficoltà o evento ha un significato profondo per la nostra evoluzione. Anche i "piccoli" eventi hanno un posto importante nella nostra vita. Il semplice fatto di andare in bagno può essere visto come un gesto banale, oppure come una purificazione profonda e dimensionale... Anche respirare, lo facciamo tutti inconsciamente, ma quando prendiamo una bella boccata di ossigeno in coscienza, che bella sensazione! Sentiti libero/a di respirare profondamente se stai leggendo questo articolo, sono certa che ti farà bene 🙂

Continui quindi a osservare la vita, a sentirla, a vedere ogni cosa che ti accade da un punto di vista evolutivo e di comprensione. Con il linguaggio simbolico, anche una cacca di cane può assumere un significato molto profondo ed educativo... 🙂 Perché quando comprendiamo il significato di ciò che ci accade, non "subiamo" più la vita o gli eventi dolorosi; ne integriamo il significato educativo, e non siamo più smarriti o in uno stato di incomprensione... Abbiamo una guida profonda che ci permette di orientarci nei momenti di dubbio...

Quindi, se a volte hai dubbi sulla tua strada... Chiedi dei sogni... Chiedi dei segni... E vedrai che il Cielo e l'Universo ti aiuteranno... Non sempre nel modo in cui pensi, ma nel modo migliore per farti evolvere... Perché ora sei spirituale... Vedi la vita in modo diverso...

Allora, siete pronti a cambiare?

Leggi l'articolo completo
Mostra